L’Assessorato 2007-2010

La mia esperienza da assessore comincia il 16 maggio 2007  fino alla fine del primo mandato amministrativo Melchionda, aprile 2010.

In questa pubblicazione non tenterò di esplicitare nei dettagli tutte le azioni, gli atti e le attività realizzate, ma mi limiterò ad evidenziare solo alcune cose a mio avviso significative. La mia azione non ha puntato a realizzare costose manifestazioni di una serata volte al solo divertimento ed all’immagine, bensì ad attività, forse meno rumorose, pensate per lasciare traccia e creare un percorso virtuoso di protagonismo giovanile.

Per dare a Voi lettori un ordine di grandezza vi basti pensare che il mio assessorato ha gestito, in 2 anni e mezzo di mandato, risorse per un totale che negli anni passati sarebbero state spese in una sola serata.

Prima di entrare nel merito mi corre l’obbligo di ringraziare tutti i dirigenti e i dipendenti del Comune di Eboli, persone preparate e cortesi, da cui ho appreso tanto.

La mia prima azione in assoluto è stata la proposta al Consiglio Comunale per il recepimento dei princìpi della Carta Europea dei Giovani e del Libro Bianco per la Gioventù. Proposta approvata all’unanimità con deliberazione di C.C. n. 41 del 16 luglio 2007. Il percorso si è completato nell’ultimo Consiglio Comunale di questo mandato amministrativo con l’approvazione della Carta dell’Informazione di Bratislava anch’essa votata all’unanimità dei presenti. Delibera di C.C. n.  — del —. L’approvazione di questi documenti ha permesso e permetterà al Comune di Eboli di poter partecipare ai bandi regionali ed europei in tema di politiche giovanili. Sono pochissimi i comuni della Campania ad aver adottato queste risoluzioni tanto che nel 2008 il Comune di Eboli è stato il solo, insieme al Comune di Sorrento, ad avere approvati tutti i progetti presentati alla Regione e pertanto a ricevere finanziamento.

In questi anni è nato il CIAG, il primo centro di incontro ed aggregazione giovanile: uno spazio con piccola sala cinema e convegni, sala riunioni, sala multimediale e sala lettura.

Grande il lavoro svolto presso il Centro Informagiovani sito nel Palazzo Massajoli, aperto 5 giorni su 7. I locali sono stati completamente rinnovati, a partire dalle attrezzature informatiche e dall’arredamento. Il nostro servizio Informagiovani è tra i più attivi dell’intera Campania, oltre 20 contatti giornalieri da parte di giovani, ebolitani e non, che hanno la possibilità di essere ricevuti ed ascoltati da 3 operatori qualificati ed ai quali porre domande in tema di opportunità di lavoro, formazione, orientamento, svago, ecc. Per favorire l’accessibilità abbiamo anche rinnovato il portale internet di riferimento (www.informagiovanieboli.it), dando la possibilità anche ai comuni del Distretto 57, di cui Eboli è capofila, di poter usufruire dei nostri servizi.

È stato realizzato un sito completamente dedicato alle politiche giovanili www.politichegiovanilieboli.it così da poter raggiungere le informazioni che servono 24 ore su 24 in un click!

In un periodo economico tutt’altro che roseo non abbiamo voluto limitare le attività di svago e di divertimento. È stato creato un contenitore per dare risalto ed importanza ai giovani e alla Nostra Città: Eboli Capitale dei Giovani! Un mese intero, quello di settembre, completamente dedicato ai giovani con tantissime iniziative.

Ricorderete Meeting Village Family (associazioni giovanili e scuole del territorio in piazza, giochi gonfiabili e animazioni per bambini, musica e intrattenimento), Eboli Music Awards (valorizzazione della musica fatta dai nostri giovani in band o solisti riportando al centro la Sala Prove Comunale “G. Morrone” – di cui è stata potenziata l’attrezzatura musicale e informatica –  ove abbiamo svolto tante altre iniziative come i Giovedì Letterari), Giovani Europei (ogni anno in collaborazione con l’associazione AEGEE oltre 50 ragazzi universitari provenienti da tutta Europa fanno tappa ad Eboli per qualche giorno, tra visite guidate e svago), Eboli Street Festival (musica e discoteca in piazza contro le dipendenze da droga ed alcool, da una idea dell’amico gigisquillante), Conferenza Distrettuale Politiche Giovanili (incontro volto alla programmazione e alla condivisione delle politiche giovanili con i comuni del distretto 57 di cui Eboli è capofila).

Grande orgoglio per me è Comunic@ndo, festival della comunicazione e dei nuovi linguaggi giovanili. Una rassegna ideata nel 2007 con la Consulta Giovani volta alla messa in circolo della creatività e dei talenti giovani. Notevole il successo di pubblico e di critica riscontrato. Da poco è stato lanciato il bando per la terza edizione. Da uno spin-off  di Comunic@ndo è nato il Comunic@lab, un laboratorio di comunicazione avente 3 direttrici: radio, produzioni video, giornalismo.

Libri in Giro, il bookcrossing ebolitano.   L’idea di mettere in circolo dei libri, in modo gratuito, mi ha colpito molto e già nel 2008 ho voluto proporla anche a Eboli, ovviamente personalizzandola e calandola nella nostra realtà. Sono convinto che attraverso la lettura passi il futuro, a partire dal trasferimento dei saperi alla trasmissione di un’emozione.  Mi piace pensare che il ritrovamento di uno dei libri possa stimolare dibattiti e relazioni tra persone e a collegare con un filo invisibile la storia di tutti quelli che partecipano.

Un risultato straordinario è stato ottenuto trasformando la vecchia Consulta Giovani nel nuovo Forum della Gioventù. Alla consulta partecipavano pochi giovani in rappresentanza di associazioni o partiti politici, il forum ha liberalizzato la partecipazione a tutti i giovani tra i 15 ed i 32 anni. Alle elezioni per il consiglio del forum e del coordinatore hanno partecipato circa 500 ragazzi su un totale di 1000 iscritti! Spero che questo patrimonio sia gestito con oculatezza e indipendenza intellettuale e politica.

In tema di Pace, altra delega che ho retto durante il mio mandato, ci tengo a sottolineare che la mia visione non è ascrivibile alla realtà pacifista, bensì vicina a chi quotidianamente tenta di costruire la pace col dialogo ed a partire dal proprio piccolo. Ho promosso l’adesione del Comune di Eboli al progetto Tesorerie disarmate (inserimento, nel capitolato di gara per il conferimento del servizio di tesoreria del Comune, di un parametro di valutazione in funzione della collaborazione dei gruppi bancari ai flussi legati alla vendita delle armi); garantito la partecipazione alla marcia Perugia-Assisi; realizzato appuntamenti pubblici per favorire il dialogo interreligioso cristiani-musulmani e  per riflettere sulla figura straordinaria di Martin Luther King; celebrato il 60° anniversario della Costituzione Italiana regalando agli studenti la Costituzione stessa e affiggendo in ogni aula un manifesto celebrativo della Costituzione e della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Nell’ultimo anno mi è stata affidata anche la delega alla Comunicazione. Appena insediato ho avviato subito il rifacimento totale del sito internet istituzionale del Comune ed anche del Bollettino Comunale. Il sito www.comune.eboli.sa.it era gestito con un software a noleggio per cui l’Ente pagava un canone annuale, il nuovo sito è gestito da personale comunale in autonomia e con sistema open source, completamente gratuito! Inoltre le informazioni sono tutte condivisibili attraverso i principali social network in modo da garantire massima diffusione e raggiungibilità delle informazioni utili sui servizi comunali ai cittadini; la grafica, il formato ed il contenuto di EbolinComune sono stati completamente stravolti ed il risultato è sotto gli occhi di tutti. La nuova idea di bollettino comunale è stata talmente apprezzata che ci è valsa la ribalta nazionale, infatti abbiamo ricevuto il Premio Cento e siamo stati premiati nel corso dell’ultimo ComPa a Milano.

Molto del mio impegno è stato assorbito nella gestione della delega alla Pubblica Istruzione. Favorire la formazione e garantire il diritto allo studio per tutti sono state le mie direttrici di movimento. Il mio primo atto è stato favorire la formazione del personale ATA  per l’assistenza materiale agli alunni affetti da disabilità (l’assistenza specialistica è già garantita da un progetto completamente a carico del Comune).

È stato ricostituito e rilanciato il ruolo del Consiglio Comunale Junior.

Abbiamo garantito, tra mille difficoltà economiche, gli arredamenti, il materiale utile, la mensa scolastica, il trasporto. Proprio su quest’ultimo tema abbiamo provveduto all’acquisto di un nuovo autobus. Per capirne l’importanza basti pensare che erano 20 anni che non se ne acquistava uno.

Grosso sforzo è stato modulato per gli interventi di manutenzione delle scuole, ordinaria e straordinaria. Ricordo solo alcuni interventi: rifacimento palestra G. Romano e Molinello, piazzale Salita Ripa, ristrutturazione Scuola Cioffi, interventi Asilo Nido “Paterno”, solai e bagni Agatino Arìa, infissi 1° Circolo edifici V. Giudice, caldaie Matteo Ripa e Pietro da Eboli.

Un lavoro sicuramente impegnativo, ma guidato dalla volontà di aiutare il proprio Paese.